Archivi tag: educazione della donna

Regolamento per gli esami magistrali del 1915

Il regolamento disciplina gli esami e le procedure di assunzione per i maestri elementari. Ogni maestro/a che voleva diventare eleggibile come docente in una scuola comunale doveva sottoporsi a questi esami. Dato che in nel periodo dall’ultimo quarto dell’Ottocento fino al 1931 il Ticino conosceva diverse Scuole magistrali private (cfr. in questo sito la Cartografia delle formazioni magistrali), questo documento ha una sua importanza perché fornisce informazioni preziose sullo standard di professionalità che lo Stato richiedeva per queste formazioni.

Regolamento in PDF

Circolare del 30.10.1847

La circolare del 30.10.1847 (grado di scuola primario e secondario I), è del periodo 1830-1878. Essa fa riferimento alla circolare del  02.11.1846. La circolare non prescrive libri di testo. Fra i temi trattati troviamo il maggior coinvolgimento dei comuni nella scuola pubblica, la formazione dei maestri, i compiti degli ispettori, i lavori femminili, la nomina dei maestri, i sussidi cantonali, la frequenza a scuola e le scuole di ripetizione.

Circolare in versione PDF

Circolare del 18.10.1838

La circolare del 18.10.1838 (riferita a tutti e tre i gradi scolastici, primario, secondario I e II) è del periodo 1830-1878. La circolare non prescrive libri di testo e, al contempo, non fa riferimento a materie scolastiche in particolare. La circolare fa riferimento alla precedente circolare del 27.10.1837. I principali temi discussi dalla circolare sono i seguenti: miglioramento delle scuole, frequenza delle scuole, istruzione femminile, partecipazione dei comuni nella scuola pubblica, compiti degli ispettori, esami privati e pubblici, ruolo dei parroci.

Continua a leggere

Circolare del 07.10.1879 (ammissione ai ginnasi e alle scuole maggiori)

La circolare del 07.10.1879 che non fa nessun riferimento a particolari materie scolastiche, rientra nel più grande contesto delle misure che nel 1879 il governo conservatore (del cosiddetto “Nuovo Indirizzo”) intraprende in campo scolastico. Temi di questa circolare sono lo standard minimo di qualità delle scuole elementari (art. 27 Costituzione federale), la sua certificazione e l’ammissione di allievi ed allieve alle scuole di grado secondario I. Rispetto a questi aspetti la circolare fissa una procedura e invita ad un maggior rigore.

Continua a leggere

Circolare del 23.10.1839

La circolare del 1839 (grado scolastico primario) è del periodo 1830-1878. La circolare fa riferimento alle seguenti leggi e regolamenti: 10.06.1831, 28.05.1832. La circolare non prescrive libri di testo. I temi caldi della circolare sono i seguenti: formazione dei maestri, educazione della donna, funzionamento (generale) delle scuole, frequenza delle scuole, necessità di libri di testo, apertura scuole, compiti ispettori, vacanze scolastiche, materiale scolastico. 

Continua a leggere

ProgrammI dei corsi di educazione e di economia domestica (1905)

Con il programma dei corsi di educazione e di economia domestica del 1905 si venne a creare una nuova formazione per le donne. Poste sotto la sorveglianza del Cantone, queste formazioni offrivano alle ragazze una formazione che comprendeva contenuti che spaziavano dall’anatomia del corpo umano alle scienze dell’alimentazione fino alla puericultura e primi rudimenti di medicina.

Continua a leggere

Circolare del 30.10.1844

La circolare del 30.10.1844 (fa riferimento in particolare al grado scolastico primario, ma anche parzialmente al secondario I e II), è del periodo 1830-1878. La circolare fa riferimento alle circolari seguenti: 27.10.1837, 05.10.1835, 05.11.1845. La circolare fa anche riferimento alle leggi del 14.06.1844, 09.06.1843. La circolare non prescrive libri di testo, ma reclama l’uniformità di quest’ultimi. Le materie alle quali fa riferimento sono le seguenti: educazione morale, religione, italiano, lavori femminili. I temi importanti della circolare sono i seguenti: uniformità dei libri di testo, creazione di scuole femminili, durata delle scuole, contratti dei maestri, collaborazione dei municipi, tassa scolastica. 

Continua a leggere