Archivi tag: prescrive libri

Circolare del 27 ottobre 1837 (scuole minori e maggiori)

Questa circolare mette a punto un altro tassello molto importante nella costruzione del sistema scolastico ticinese: l’organizzazione in scuole elementari minori e maggiori. La circolare definisce però anche con dovizia di particolari doveri e ruoli dei vari attori della scuola pubblica di quegli anni (parroci, ispettori, municipi) e definisce una serie di aspetto fondamentali per il funzionamento delle scuole (calendario scolastico, tirocinio dei docenti appena formati, esami, libri di testo).

Circolare nella raccolta delle leggi del 1840 (pp. 42-54)

Istituzione delle scuole elementari maggiori (1841)

Con il decreto legislativo 26 maggio 1841 e il relativo regolamento applicativo (del 4 novembre 1841) il Ticino si dota di un ordine scolastico che nel corso del secondo Otto- e soprattutto del Novecento diventerà un cardine dell’istruzione popolare in Ticino: le scuole maggiori.

Dietro questa denominazione si nasconderanno in realtà, nei vari momenti della storia, realtà e curricoli molto diversi che però hanno in comune l’idea di non considerare conclusa la formazione di un giovane con l’apprendimento delle abilità di base (il famoso leggere, scrivere e far di conto) e di puntare alla formazione di un cittadino sufficientemente formato da poter partecipare alla vita pubblica in tutti i suoi aspetti. Solo nel Novecento le scuole maggiori diventeranno una vera scuola secondaria.

Legge in pdf (sezione IV della Raccolta delle leggi del 1847)

In un’altra legge, che fa parte dell’importante pacchetto di leggi votato dal Gran Consiglio il 9 giugno 1843 sulle scuole elementari (p. 330 della Raccolta sistematica del 1847), si chiarisce la questione del passaggio dall’istruzione elementare inferiore alle scuole maggiori.

Elenchi dei libri di testo per le scuole dell’obbligo (1860-1980)

Gli elenchi dei libri di testo prescritti o approvati per le scuole primarie e per le scuole maggiori (grado di scuola primario e secondario I). Questi elenchi esistono praticamente sin dagli albori della scuola ticinese, spesso li si trova in appendice ai programmi scolastici. Questa pratica di una rigida prescrizione dei libri da adottare fu mantenuta, con più o meno rigore, fino al primo decennio del Novecento. In certi casi si poteva arrivare anche al divieto di libri di testo, come ad esempio con la circolare del 7 ottobre 1879 che proibisce tre libri di testo. Qui sotto riproduciamo un elenco del 1884 e uno dell’inizio del Novecento.

Una svolta si ebbe con il decreto sui libri di testo del 29.4.1914, che sostituì la pratica del libro di testo prescritto per ogni materia e grado scolastico con il principio della libera scelta dei docenti su un elenco di libri autorizzati.

Inizialmente questo elenco veniva steso dalla Commissione cantonale degli studi, dopo gli anni ’30 invece il compito passò al Collegio degli ispettori.

Qui riproduciamo una serie di elenchi che permettono di farsi un’idea di quelle politiche.

Elenco degli anni 1860

Avviso riguardante i libri di testo del 1884

Indicazioni sulla situazione all’inizio del Novecento

Elenco del 1931 in versione PDF

Elenchi  del secondo dopoguerra (1945, 1959, 1968) in pdf

Ci si può fare un’idea della produzione di libri di testo in Ticino consultando il catalogo, stilato nel 1994, dei libri di testo conservati al Centro didattico cantonale di Massagno.  (I testi menzionati in quel catalogo si trovano oggi all’Archivio di Stato di Bellinzona.)

 

Programma per i ginnasi cantonali e per le scuole maggiori maschili 1869

Il programma per le scuole maggiori maschili del 1869 (grado di scuola secondario I e secondario II), è del periodo 1830-1878. Il programma prescrive le seguenti materie: storia, italiano, geografia, matematica, educazione civica, educazione morale, francese, tedesco, latino, greco, scienze, economia (computisteria). Il programma prescrive libri di testo. Trattandosi di una scuola maschile, il programma non differenzia per genere.

Programma in versione PDF

Commissione dei libri di testo (dal Rendiconto del Consigliio di Stato del 1908, 1910, 1912)

In questo documento sono raccolti i riassunti dell’attività svolta dalla Commissione dei libri di testo, pubblicati nel Conto Reso, negli gli anni 1908, 1910 e 1912. Questa commissione aveva il compito di stendere l’elenco dei libri di testo prescritti per le scuole dell’obbligo. Nel 1914 le funzioni della commissione dei libri di testo passarono alla Commissione cantonale degli studi, che però si sarebbe limitata, in ottemperanza al nuovo quadro legislativo, a un elenco di libri autorizzati dal quale i docenti potevano scegliere il libro da adottare. Vedi in questo sito la pagina sugli elenchi di libri di testo.

Gli estratti dal Rendiconto governativo che qui riproduciamo danno un’idea delle discussioni e decisioni della commissione.

Continua a leggere