Archivi tag: uniformità libri di testo

L.A. Parravicini, Dell’educazione pubblica nel Cantone Ticino (1842)

L’autore del documento era anche responsabile dei corsi di metodica per i maestri del Cantone. Frutto di un concorso della Società Demopedeutica, l’opera non solo descrive nel dettaglio lo stato dell’istruzione nel Ticino degli anni fransciniani, ma contiene anche una dettagliata critica dei piani di studio e delle pratiche e formula una serie di proposte per migliorare la scuola ticinese.

Documento in pdf

Elenchi dei libri di testo (1880-1980)

Gli elenchi dei libri di testo prescritti o approvati per le scuole primarie e per le scuole maggiori (grado di scuola primario e secondario I). Questi elenchi esistono praticamente sin dagli albori della scuola ticinese, spesso li si trova in appendice ai programmi scolastici. Questa pratica di una rigida prescrizione dei libri da adottare fu mantenuta, con più o meno rigore, fino al primo decennio del Novecento. In certi casi si poteva arrivare anche al divieto di libri di testo, come ad esempio con la circolare del 7 ottobre 1879 che proibisce tre libri di testo. Qui sotto riproduciamo un elenco del 1884 e uno dell’inizio del Novecento.

Una svolta si ebbe con il decreto sui libri di testo del 29.4.1914, che sostituì la pratica del libro di testo prescritto per ogni materia e grado scolastico con il principio della libera scelta dei docenti su un elenco di libri autorizzati.

Inizialmente questo elenco veniva steso dalla Commissione cantonale degli studi, dopo gli anni ’30 invece il compito passò al Collegio degli ispettori.

Qui riproduciamo una serie di elenchi che permettono di farsi un’idea di quelle politiche.

Avviso riguardante i libri di testo del 1884

Indicazioni sulla situazione all’inizio del Novecento

Elenco del 1931 in versione PDF

Elenchi  del secondo dopoguerra (1945, 1959, 1968) in pdf

 

Circolare del 23.10.1839

La circolare del 1839 (grado scolastico primario) è del periodo 1830-1878. La circolare fa riferimento alle seguenti leggi e regolamenti: 10.06.1831, 28.05.1832. La circolare non prescrive libri di testo. I temi caldi della circolare sono i seguenti: formazione dei maestri, educazione della donna, funzionamento (generale) delle scuole, frequenza delle scuole, necessità di libri di testo, apertura scuole, compiti ispettori, vacanze scolastiche, materiale scolastico. 

Continua a leggere

Circolare del 30.10.1844

La circolare del 30.10.1844 (fa riferimento in particolare al grado scolastico primario, ma anche parzialmente al secondario I e II), è del periodo 1830-1878. La circolare fa riferimento alle circolari seguenti: 27.10.1837, 05.10.1835, 05.11.1845. La circolare fa anche riferimento alle leggi del 14.06.1844, 09.06.1843. La circolare non prescrive libri di testo, ma reclama l’uniformità di quest’ultimi. Le materie alle quali fa riferimento sono le seguenti: educazione morale, religione, italiano, lavori femminili. I temi importanti della circolare sono i seguenti: uniformità dei libri di testo, creazione di scuole femminili, durata delle scuole, contratti dei maestri, collaborazione dei municipi, tassa scolastica. 

Continua a leggere